Sondaggio: imprese italiane, export e banche

Raffaele Zenti Interviste Leave a Comment

Autori: Laura Oliva e Raffaele Zenti

Per ricevere il testo completo del sondaggio, clicca qui.

[ct_button url=”http://eepurl.com/M_M1L” style=”grey” size=”small” type=”round” target=”_self”] Richiedi Sondaggio [/ct_button]

Il presente, ma soprattutto il futuro, è internazionale. Che strategia hanno le aziende italiane? Che strumenti usano per operare e per proteggersi dai rischi finanziari?

Gli imprenditori hanno la perfetta consapevolezza dei “rischi di impresa”, quelli derivanti appunto dalle scelte imprenditoriali: rischio di concorrenza, rischio di cambiamenti tecnologici, rischi legati alla produzione o alla stagionalità, ecc.

Diversi sono invece i “rischi finanziari”, quelli che invece derivano dalle variazioni di prezzo dei beni scambiati sui mercati finanziari: rischio di prezzo delle materie prime, rischio valutario, rischio di variazione del tasso di interesse, rischio di credito, rischio di liquidità, ecc.

Da queste domande e da queste considerazioni è partita l’idea di un sondaggio tra le imprese industriali italiane attive all’estero. La survey (ideata e realizzata da Ekuota, advisor on-line per la gestione dei rischi finanziari d’impresa) è un’analisi del mondo economico e imprenditoriale italiano che non si arrende e che decide di investire laddove vede opportunità di sviluppo. E oggi queste opportunità sono soprattutto all’estero.

Le risposte alle domande che hanno ispirato il sondaggio, delineano un quadro a molti colori. Il campione delle aziende manufatturiere italiane non si arrende alla crisi e ha propensione all’investimento sia sui mercati che nei paesi in cui vede opportunità di sviluppo.

Tabella1 e 2 survey.001

 

Riemerge chiaramente la tradizionale tendenza all’export che ha sempre caratterizzato le imprese nazionali (in tutti i settori). D’altro canto, esse sono pienamente consapevoli dei propri vantaggi (flessibilità, qualità e design) e dei propri limiti (poca capacità di fare sistema e organizzazione non del tutto adeguata).

Dal sondaggio risulta che il sistema creditizio ha scarse capacità di supportare le aziende italiane, sul fronte del reperimento di finanziamenti. Di conseguenza le aziende dimostrano invece un vivo interesse nei confronti di altre e più durature forme di finanziamento, come il private equity (investitori in capitale di rischio) e i minibond (uno strumento innovativo simile alle obbligazioni).

Tabella 9 survey.001

In conclusione, l’ultimo dato che il sondaggio evidenzia è che, anche se non esistono aiuti o percorsi di aggregazione che spingono verso i mercati esteri, la cultura imprenditoriale italiana è coraggiosa.

Le eccellenze italiane sono pronte alla sfida dei mercati globali e stanno vivendo quella internazionale come una ottima chance per risollevarsi. Ricerca e sviluppo, networking, organizzazione e strumenti finanziari sono le chiavi che servono per riscattare le nostre aziende e realizzare le condizioni per ripartire.

Diceva il poeta Virgilio: audentes fortuna iuvat.

Per ricevere la versione completa del sondaggio, invia una mail a eKuota.

Iscriviti a eKuota

eKuota aiuta le aziende a gestire i rischi finanziari: incassi e pagamenti in valute estere, acquisti di materie prime, tassi di interesse.
Iscriviti subito a eKuota
About the Author

Raffaele Zenti

Co-founder and Head of the Financial Strategies Group of Adviseonly (www.adviseonly.com). Expert in finance and risk management. He graduated in Economics from the University of Turin, with a specialisation in Statistics. He has worked in assets allocation for Sella Asset Management, where he was head of the Financial Business Consultants unit in Engineering. Previously he worked at Allianz Global Investors Italy for ten years as Head of Risk Management and then as Head of Quantitative Management. He was recently the Quantitative Management Manager at Banca Leonardo Group and provided independent consultancy for IDeA Sim - DeA Group. He is also a lecturer in Quantitative Portfolio Management at the University of Turin Master’s in Finance programme, has published various articles in asset management and finance magazines (including the Journal of Asset Management, Economic Notes and Risk) and has contributed to books on subjects related to investment choices and Risk Management.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *