Pubblicazioni matrimoniali di lusso

Marta Fracas Aziende Leave a Comment

Grande notizia “per clienti sofisticati e amanti dei brand del lusso”, come li ha definiti Johann Rupert, presidente di Richemont: il 31 marzo 2015 è stato siglato l’accordo che spalanca le porte al più grande worldwide store dell’alta moda, aperto 24h su 24: YOOX Net-a-Porter Group.

L’azienda italiana Yoox, fondata nel 2000 è tra i pionieri dell’e-commerce nel nostro paese, gestisce online 30 grandi marchi tra cui Brunello Cucinelli, Missoni e Moschino.

Il coetaneo Net-a-Porter si può definire suo alter ego londinese, arcinoto high-fashion retailer, legato alla holding svizzera Richemont.

Il destino delle due società si era già incrociato nel 2013, tuttavia senza determinare una concreta svolta nelle trattive. Come giustificare questo improvviso “ripensamento matrimoniale”? Indiscrezioni a riguardo hanno fornito una lettura in chiave difensiva nei confronti del gigante dell’e-commerce Amazon, che avrebbe mostrato un cospicuo interesse per Net-a-Porter quantificabile in un’offerta di quasi un miliardo e mezzo (sarebbe stata l’operazione più onerosa mai sostenuta prima dal Gruppo americano). Tuttavia partendo dal presupposto che “non è vero che gli opposti si attraggono”, l’unione tra i due sarebbe stata quanto mai irrealistica, in quanto la società di Jeff Bezos punta al mercato di massa mentre quella di Natalie Massenet al settore di nicchia del griffato.

La fusione con YOOX si preannuncia come la “one best way” per fondare una piattaforma in grado di servire ben 180 paesi, rafforzare il potere contrattuale e lanciare un giro d’affari di circa 1,3 miliardi di euro. Le sinergie conseguibili sono stimate di circa 60 milioni di Euro: si tratta di complementarità in termini di ricchezza del portafoglio, mix geografico, varietà di clientela, efficienza e leva finanziaria.

Ma come si configurerà la NewCo? Il perfezionamento dell’operazione previsto per settembre battezzerà una “conquista” italiana. Infatti la nuova società avrà sede legale in Italia e sarà quotata a Milano; nella veste di Amministratore Delegato Federico Marchetti (fondatore e attuale AD di YOOX Group) mentre Natalie Massenet ricoprirà il ruolo di Presidente.

Richemont deterrà il 50% delle azioni ma il suo diritto di voto sarà limitato al 25% con due soli membri nel CdA.
Il modo migliore per prevedere il futuro della moda è quello di crearlo” secondo la Massenet, ebbene Yoox Net-a-Porter Group non è che il prodotto di una nuova tendenza: La consacrazione del Mass Marketing of Luxury.

Sempre più clienti comprano online o si documentano in rete prima di concludere un acquisto importante. In questo frangente entrano in gioco gli e-retailer come Zalando e Amazon ma il settore “dell’alto shopping” ne era pressoché escluso.

Pregiudizio o paura di perdere parte della componente di sfarzo legata all’acquisto in scintillanti boutique? Ebbene ai commessi belli e sofisticati si sostituiscono ora risorse umane formate ad hoc e in questo senso l’Italia si pone come avanguardia (il Politecnico di Milano ha lanciato il primo Master in “e-fashion”).

Sembra inoltre che la crisi e lo stile di vita trafelato abbiano giocato il ruolo di esternalità positive per il successo del e-fashion che permette di mettere mano meno sia al portafoglio che all’orologio garantendo risparmi di tempo e denaro. Niente più sabati pomeriggio da incubo per mariti e fidanzati, è sufficiente la loro carta di credito!

 Dati fusione Yoox

Iscriviti a eKuota

eKuota aiuta le aziende a gestire i rischi finanziari: incassi e pagamenti in valute estere, acquisti di materie prime, tassi di interesse.
Iscriviti subito a eKuota
Gratis per 30 giorni
About the Author
Marta Fracas

Marta Fracas

Marta Fracas è studentessa del Corso di Laurea in Economia Aziendale e Management all'Università Bocconi. Coltiva da sempre la passione per il giornalismo che ha portato avanti con la partecipazione attiva ai Giornali scolastici del Liceo e dell'Università. Nutre particolare ammirazione e interesse per la cultura e la lingua tedesca ed è incline a vivere esperienze internazionali. Per la sua voglia di sperimentare è alla continua ricerca di nuovi stimoli professionali e personali.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *