La guerra delle valute

Raffaele Zenti Valute Leave a Comment

Si è iniziato a parlare di “guerra valutaria” in seguito alla decisione del Primo Ministro giapponese Abe di cambiare tattica per stimolare l’economia, rimettendola in moto con un’azione aggressiva della banca centrale, la Bank of Japan (BoJ).

La strategia della banca centrale giapponese consiste infatti nell’immettere liquidità nel sistema, moltissima liquidità. Ciò ha influito sul deprezzamento dello yen nei confronti delle principali divise. Questo, a sua volta, rende meno costosi e quindi più competitivi i prodotti giapponesi sui mercati esteri, il che è di beneficio per la crescita economica nipponica.

E qui sta il problema: con la ripresa economica globale che arranca, il tentativo del Giappone di risolvere il problema della deflazione e rilanciare la sua crescita economica, deprezzando lo yen ha generato il timore che ci si possa trovare di fronte a una guerra delle divise, come quella accaduta negli anni ’30 del secolo scorso.

Lo schema di una guerra valutaria, nel caso semplificato di due Paesi, è questo: se la divisa del Paese A si deprezza rispetto a quella del Paese B, nell’immediato l’export del Paese B verso il Paese A ne è danneggiato, perché di colpo i suoi beni e servizi sono diventati più cari, mentre il Paese A è avvantaggiato e riesce a vendere di più. Allora anche il Paese B farà di tutto per deprezzare la sua divisa. E così via, a colpi di deprezzamento.

Come credo abbiate intuito, essendo i cambi dei prezzi relativi, è impossibile che tutte le divise possano deprezzarsi simultaneamente… quello del deprezzamento è un gioco a somma zero. Dunque si tratterebbe di una guerra economica totalmente priva di senso. L’unico caso in cui una guerra delle valute può avere senso è quello di un Paese relativamente piccolo, la cui politica di deprezzamento possa essere tollerata dai “grandi”. Ma non è questo il caso. Qui si fronteggiano grandi blocchi: GiapponeUSAEuropaUK, nonché i principali Paesi Emergenti.

Quali conseguenze?

Una guerra tra grande aree valutarie provocherebbe solo il risorgere di misure protezionistiche: ognuna di queste aree cercherà di alzare barriere economiche per far sì che le merci e i servizi più competitivi della altre aree non possano essere venduti all’interno del proprio perimetro valutario.

Le misure protezionistiche possono essere un tampone momentaneo, ma in definitiva danneggiano gravemente il commercio internazionale. Tra le conseguenze, si verificherebbero pesanti ricadute occupazionali, con perdita di molti posti di lavoro (proprio questo accadde nella “Grande Recessione” degli anni ’30, quando la Gran Bretagna iniziò una serie di svalutazioni competitive).

Iscriviti a eKuota

eKuota aiuta le aziende a gestire i rischi finanziari: incassi e pagamenti in valute estere, acquisti di materie prime, tassi di interesse.
Iscriviti subito a eKuota
Gratis per 30 giorni
About the Author
Raffaele Zenti

Raffaele Zenti

Co-founder and Head of the Financial Strategies Group of Adviseonly (www.adviseonly.com). Expert in finance and risk management. He graduated in Economics from the University of Turin, with a specialisation in Statistics. He has worked in assets allocation for Sella Asset Management, where he was head of the Financial Business Consultants unit in Engineering. Previously he worked at Allianz Global Investors Italy for ten years as Head of Risk Management and then as Head of Quantitative Management. He was recently the Quantitative Management Manager at Banca Leonardo Group and provided independent consultancy for IDeA Sim - DeA Group. He is also a lecturer in Quantitative Portfolio Management at the University of Turin Master’s in Finance programme, has published various articles in asset management and finance magazines (including the Journal of Asset Management, Economic Notes and Risk) and has contributed to books on subjects related to investment choices and Risk Management.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *