Ecofin trova l’accordo sul “fallimento ordinato” delle banche. Ecco i particolari per imprese e risparmiatori

Laura Oliva Novità legislative Leave a Comment

shutterstock_143437948Quali sono le novità previste nell’accordo europeo per il fallimento delle banche? Ce le spiega l’economista Jacopo Caretta Mussa dal blog di AdviseOnly:

“prima che intervenga il Governo con soldi pubblici, saranno nell’ordine gli azionisti, i detentori di obbligazioni (prima quelli con meno garanzie, cioè i detentori di titoli subordinati, poi gli altri)ed infine i depositanti (prima le grandi imprese, poi i risparmiatori) a subire le eventuali perdite. Con l’importante esclusione dei depositanti con un conto corrente inferiore ai €100 mila.”

Cosa cambia per i risparmiatori e le imprese?

“Se le cose dovessero rimanere così, ecco in breve cosa cambierebbe per il risparmiatore italiano:

  • depositi sotto i 100 mila euro – i risparmi continuano ad essere assicurati dal Fondo di Garanzia sui Depositi;
  • depositi oltre i 100 mila euro – la porzione di deposito che eccede i 100 mila euro potrebbe essere intaccata;
  • investimenti in obbligazioni bancarie (caso frequentissimo tra i risparmiatori italiani) – le cose potrebbero cambiare con il passaggio di queste regole. In caso di bancarotta della banca di cui si detengono le obbligazioni, ci potrebbero essere ripercussioni in funzione del grado di subordinazione delle obbligazioni;
  • investimenti in azioni bancarie – molto semplicemente, in caso di default della banca saranno i primi a subire un’eventuale perdita.

Tutto ciò non implica necessariamente che azioniobbligazioni bancarie edepositi siano dei cattivi investimenti, ma un investitore consapevole deve essere ben cosciente dei rischi cui va incontro: gli investimenti bancari con questo provvedimento sicuramente diventano più rischiosi, non c’è dubbio.”

Queste sono le conclusioni di Adviseonly.

Avete in portafoglio obbligazioni bancarie? A breve sono possibili  flessioni dei prezzi. Valutate quindi se sostituirle con un investimento senza prospettive di incremento del rischio.

http://it.adviseonly.com/blog/risparmio/ecofin-trova-accordo-fallimento-ordinato-delle-banche-particolari-per-risparmiatori/#.UcxOhhaAFrM

Iscriviti a eKuota

eKuota aiuta le aziende a gestire i rischi finanziari: incassi e pagamenti in valute estere, acquisti di materie prime, tassi di interesse.
Iscriviti subito a eKuota
About the Author

Laura Oliva

Twitter

Partner e fondatrice di Ekuota. Laureata in economia aziendale presso l’Università L. Bocconi di Milano, ha una esperienza più che decennale sui mercati dei capitali. E’ stata Responsabile Debt Capital Markets nel gruppo Allianz, ha lavorato per banche d’affari italiane ed estere. Ha ricoperto di volta in volta, il ruolo di Global Product Specialist, di Responsabile della Strutturazione e del Collocamento di prodotti di Finanza Strutturata, di Responsabile della Sindacazione e di Analista di credito. Ha organizzato e realizzato finanziamenti ed emissioni obbligazionarie per i principali emittenti italiani, tra i quali: Exor, Pirelli, IFIL, Telecom Italia, ENI. E’ esperta di emissioni obbligazionarie e cartolarizzazioni e si occupa di analisi finanziaria e di mercati finanziari. Scrive di temi economici per quotidiani e riviste internazionali. E’ co-autrice del blog di Adviseonly (Consulenza finanziaria indipendente). Tre volte mamma, riminese purosangue felicemente trapiantata a Milano.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *