Cina, le aziende chiedono finanza

Marco Luraghi Paesi Leave a Comment

Nei primi tre mesi del 2014, in Cina il tasso di crescita del PIL ha mostrato un andamento negativo. Secondo il China National Bureau of Statistics il tasso di crescita è stimato a circa il 7,4% annuo, in diminuzione di 0,3 punti percentuali dal 7,7% registrato a fine 2013.

Al contempo, secondo le stime di Standard & Poor’s, la quantità di indebitamento delle aziende ha continuato a crescere, con particolare riferimento ai settori chiave dell’economia cinese come attrezzature e macchinari, servizi di logistica e trasporto, comparto delle costruzioni ed industria dell’acciaio. Alla fine del 2013, lo stock di debito di aziende non-finanziarie cinesi ha registrato il record massimo pari all’incirca a US$ 12 triliardi (pari a 120% del PIL).

Cina credito settore privato.001

Come si vede in Figura, il credito è quello offerto dal cosiddetto sistema bancario ombra (shadow banking), il credito che non viene garantito dal sistema finanziario ufficiale ma da un insieme di operatori economici di diversa natura.

Alcuni suggeriscono che la crescita del finanziamento alle imprese è una risorsa  necessaria alla crescita del PIL.  Il problema è che alcune società non finanziarie non sono in grado di raggiungere una buona redditività e di conseguenza non riescono ad adempire alle proprie obbligazioni, finendo per ritrovarsi in una situazione di default.

La banca centrale ha già limitato i prestiti a quei settori dell’economia che presentavano segni di surriscaldamento, compreso per esempio il settore dell’estrazione del carbone. Questo provvedimento ha di fatto favorito lo sviluppo di un sistema di finanziamento alternativo detto “shadow”.

I crediti in sofferenza interessano soprattutto i settori dell’estrazione di carbone e in generale il settore energetico; ma è assai probabile che questo fenomeno tocchi anche altri comparti dell’economia come il mercato delle costruzioni.

La spinta del governo centrale verso l’abbandono del carbone come fonte primaria di energia è molto forte. Al contrario, lo sviluppo del settore delle costruzioni rappresenta uno dei fattori critici di successo dei piani di sviluppo presenti e futuri: l’urbanizzazione è, infatti, un mattone portante delle linee politiche sociali ed economiche del Primo Ministro Li Keqiang.

Queste considerazioni suggeriscono che anche se fallimenti di aziende operati nell’industria del carbone possano essere accettati, lo stesso fenomeno nel comparto edilizio potrebbe alimentare preoccupazioni indesiderate.

In tale contesto, sono alte le aspettative di riforme che riguardano il sistema finanziario locale. Gli operatori privati sperano così essere in grado di raggiungere una crescita organica attraverso una maggior diversificazione dei propri investimenti ed una miglior gestione del debito.

Uno dei maggiori attori del settore costruzioni, Vanke Group, ha dichiarato che la “golden era” è arrivata al capolinea, in quanto la contrazione dei prezzi delle case e i minori fondi messi a disposizione comportano margini bassi e rendimenti in discesa.

Nonostante siano già state implementate alcune misure, il sistema finanziario ha bisogno di un pacchetto importante di riforme: gli interessi di tutti gli investitori saranno catturati dalla loro effettiva realizzazione.

Finanziamenti a lungo termine a tassi di interesse ragionevoli è la richiesta rivolta alle banche cinesi.

Iscriviti a eKuota

eKuota aiuta le aziende a gestire i rischi finanziari: incassi e pagamenti in valute estere, acquisti di materie prime, tassi di interesse.
Iscriviti subito a eKuota
Gratis per 30 giorni
About the Author
Marco Luraghi

Marco Luraghi

Laureato in International Business Management presso l’Universita’ Carlo Cattaneo – LIUC di Castellanza, oggi vive e lavora a Shanghai come Financial Analyst. Si occupa di finanza aziendale e controllo di gestione e al tempo stesso non sta perdendo l’occasione di entrare in contatto con la cultura e lingua cinese. Tramite esperienze di lavoro in Canada, Italia e Cina e scambi culturali di studio presso Arizona State University, Marco si è continuamente inserito in esperienze internazionali in Europa e negli Stati Uniti. Riesce a fare con passione e voglia di apprendere quello che lo rende felice. Ha un fratello con cui condivide soprattutto un forte interesse per gli sport di squadra, gli piace uscire in compagnia e leggere articoli circs New Management Theories e Self-Leadership.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *